Il Sambuco contro raffreddore e influenza

Oltre all’utilizzo, oramai consolidato, dello sciroppo di sambuco nel famoso aperitivo Hugo, è bene sapere che questa pianta è stata da sempre molto usata per la sua efficacia contro raffreddori e influenza.

L’estratto delle bacche di Sambucus nigra ha dimostrato infatti di avere proprietà antimicrobiche e antivirali. In alcuni studi preclinici si è visto il suo effetto positivo contro l’infezione da virus dell’influenza, grazie alla capacità di inibire la replicazione virale aumentando le citochine sia proinfiammatorie che antinfiammatorie coinvolte nella risposta immunitaria.

Lo studio

Nella revisione sistematica qui riportata, lo scopo è di determinare se l’estratto di bacche di sambuco migliori i risultati nei pazienti con infezioni virali respiratorie acute.

È stata eseguita una ricerca per parole chiave per articoli in MEDLINE, Embase, Allied and Complementary Medicine Database e Cumulative Index to Nursing and Allied Health Literature database dall’inizio fino a maggio 2020.

Gli articoli inclusi erano studi di intervento prospettici originali utilizzando partecipanti adulti con infezioni virali respiratorie acute, scritti in inglese dove è stata valutata la bacca di sambuco (come terapia mono o combinata) in qualsiasi forma, dose e via di somministrazione.

Inizialmente sono stati identificati quaranta studi e cinque hanno soddisfatto tutti i criteri di inclusione.

La dimensione del campione aggregato era di 936 partecipanti di età compresa tra 5 e 70 anni, con due studi che includevano anche bambini (5-12 anni) e adulti (18 anni e oltre).

Quattro degli studi considerati avevano utilizzato preparazioni mono-erbe di estratto di bacche di sambuco e uno studio aveva utilizzato una miscela polierbarica di bacche di sambuco e radice di echinacea (Echinacea purpurea, Asteraceae).

Non è stata condotta una meta-analisi a causa dell’eterogeneità dei dati ma, in generale, sono state osservate riduzioni significative dei sintomi e una durata più breve della malattia nei gruppi mono e polierbe rispetto ai gruppi di controllo.

Tutti gli studi hanno riportato una significativa riduzione della gravità dei sintomi generali e della febbre in particolare, e uno studio ha anche riportato riduzioni significative di tosse, mal di testa, secrezione di muco, dolori muscolari e sintomi di congestione nasale.

Tre studi hanno riportato una riduzione di quasi il 50% della durata della malattia nei gruppi di bacche di sambuco rispetto ai gruppi di controllo.

Conclusioni

Gli autori concludono quindi che le preparazioni mono-erbe a base di estratto di bacche di sambuco, se assunte all’inizio dei sintomi e per un massimo di due settimane, possono fornire sollievo dai sintomi del comune raffreddore e dell’influenza. Notano anche che l’estratto di bacche di sambuco può essere efficace nel ridurre la durata e la gravità di febbre, mal di testa, congestione nasale e secrezione di muco nasale associati alle infezioni virali respiratorie acute.

Tuttavia, le “prove riguardanti l’efficacia delle bacche di S. nigra sul sintomo della tosse e la necessità/l’uso di farmaci (compresi gli antibiotici) per trattare le infezioni virali respiratorie acute , sono attualmente poco chiare e incoerenti“spiegano.

Poiché la formulazione, la dose e la durata del trattamento con bacche di sambuco variavano tra gli studi, sono necessarie ulteriori ricerche per valutarne ulteriormente l’efficacia e la sicurezza.

Tratto da Rivista HERBALGRAM: 129 Pagina: 40-41 Samara Robbins

Per lo studio originale clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...