Auricoloterapia antalgica

Un interessante articolo pubblicato sulla rivista scientifica, Medical Acupuncture, rilancia il possibile utilizzo dell’auricoloterapia come mezzo di autocura del dolore, ovviamente dopo un breve tirocinio che ne insegni l’applicazione. La questione è molto importante e sentita, in particolare negli Stati Uniti, paese in cui si è parlato di epidemia oppioide a seguito delle decine di migliaia di morti legate all’abuso di oppioidi per il trattamento del dolore.

Il dolore cronico è una condizione diffusa e complessa, difficile da trattare e crea un cospicuo onere sociale e finanziario. Particolarmente colpiti da queste problematiche sono i veterani militari, che spesso accompagnano questa condizione con altre situazioni difficili da trattare, come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), che modulano e consolidano i processi del dolore.

La concezione obsoleta del dolore cronico come entità puramente “fisica” (cioè patoanatomica) continua a predominare tra i professionisti medici e il pubblico laico, ostacolando ulteriormente l’obiettivo di un trattamento soddisfacente su larga scala. Nel contesto dell’epidemia di oppiacei, rimane sempre fondamentale innovare i metodi per trattare il dolore cronico e far si che siano sicuri, efficaci e convenienti. L’agopuntura auricolare (AA), in particolare quella Battlefield (BFA), è una modalità che è stata promulgata nell’ambito dell’assistenza sanitaria dei Veterans Affairs (VA) e sembra poter avere queste caratteristiche.

Obiettivo: C’è stata poca ricerca relativamente all’autosomministrazione dell’agopuntura auricolare.

Gli autori hanno condotto questo progetto pilota per valutare la sicurezza e la fattibilità del consentire ai pazienti di autosomministrarsi la BFA dopo una sessione di formazione di 2 ore con personale certificato. In questo contesto, la fattibilità è stata definita come “una maggioranza sostanziale dei partecipanti (66% o più) che è stata in grado di partecipare con successo al progetto per 6 mesi“.

Gli autori hanno anticipato che ci sarebbero stati dubbi sul fatto che consentire l’autosomministrazione di un protocollo di agopuntura auricolare sarebbe stato associato a rischi inaccettabili per i partecipanti. A questo proposito hanno ritenuto utile considerare che l’autosomministrazione di insulina è molto più rischiosa rispetto all’agopuntura auricolare eseguita con aghi fissi standard, in quanto, se somministrata in modo errato, può causare la morte. Allo stesso modo, gli oppioidi orali, che vengono somministrati direttamente ai pazienti possono causare la morte per overdose anche se assunti in modo appropriato.

Rispetto agli esempi precedenti, è estremamente improbabile che l’agopuntura auricolare BFA autosomministrata causi seri problemi se eseguita con precauzioni ragionevoli. Gli aghi utilizzati sono chiamati Aghi Semi-Permanenti (ASP) e sono progettati specificamente per prevenire la penetrazione profonda e la migrazione sottocutanea involontaria dell’ago.

Gli autori ritengono che nel migliore dei casi, questa modalità consentirà la riduzione dell’uso di farmaci per una percentuale significativa di pazienti che hanno dolore cronico, con una concomitante diminuzione dei danni correlati ai farmaci.

Materiali e metodi: questo studio è stato condotto presso il Chillicothe Veterans Affairs Medical Center, Chillicothe, OH, USA, e le sue cliniche ambulatoriali satellite basate sulla comunità in Ohio. I partecipanti erano 12 volontari veterani sani (10 maschi e 2 femmine) che in precedenza avevano ripetuto buone risposte alla somministrazione di agopuntura auricolare BFA da parte di un fornitore. I risultati degli eventi avversi emergenti dal trattamento e la percezione soggettiva del sollievo dal dolore, rispetto al BFA somministrato dal fornitore, sono stati raccolti telefonicamente ogni 2 settimane per 6 mesi.

Risultati: nessun evento avverso emergente dal trattamento è stato segnalato da alcun partecipante. In un periodo di 6 mesi, 12 partecipanti hanno tentato di autosomministrarsi l’agopuntura auricolare BFA a intervalli di 2 settimane. Dei 12 partecipanti, 10 (83%) sono stati in grado di autosomministrarsi l’agopuntura auricolare BFA in modo coerente senza difficoltà. Ciò ha soddisfatto l’obiettivo di fattibilità del 66% come precedentemente definito. Dei 2 pazienti che hanno avuto difficoltà, 1 aveva una destrezza limitata auto-ammessa e 1 aveva una significativa patologia dell’articolazione della spalla che rendeva difficile posizionare le mani per l’auto-infissione.

Nessun partecipante ha riportato eventi avversi. Tutti e 10 i partecipanti che sono stati in grado di autosomministrarsi l’agopuntura auricolare BFA, ed hanno riportato costantemente un sollievo che era soggettivamente equivalente a quello dell’agopuntura auricolare BFA somministrata da un fornitore. Ciò ha dimostrato la parità con il BFA amministrato dal fornitore in questo piccolo progetto pilota.

Conclusioni: I risultati iniziali sono stati promettenti e hanno suggerito che l’agopuntura auricolare BFA autosomministrata con aghi ASP dovrebbe essere studiata su scala più ampia.

Il metodo è probabilmente appropriato come modalità a lungo termine per quei pazienti che avevano già mostrato una buona risposta. Per gli individui con coordinazione compromessa o patologia della spalla che limita l’autosomministrazione, si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di addestrare degli operatori sanitari a somministrare l’agopuntura auricolare BFA a questi veterani.

Dovrebbe essere stabilito un metodo affidabile per seguire, documentare questi trattamenti, così come il prendere in considerazione anche la documentazione della riduzione dei farmaci antidolorifici di tutti i tipi.

Per l’articolo originale clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...