Bocca urente: l’omeopatia come valido sostegno

La sindrome della bocca urente è una malattia rara di origine sconosciuta. Non è noto alcun trattamento efficace e c’è quindi la ricerca di approcci integrativi efficaci. Finora, l’omeopatia individualizzata (iHOM) non è stata valutata o riportata in nessuna rivista peer-reviewed come opzione terapeutica.

LO STUDIO

METODI

presso il Centro di medicina complementare di un istituto universitario in Svizzera, un paziente di 38 anni con bocca urente e varie comorbidità è stato trattato con iHOM tra luglio 2014 e agosto 2018.

Il trattamento prevedeva la prescrizione di singoli rimedi omeopatici selezionati individualmente .

Durante le visite di follow-up, l’esito è stato valutato con due questionari validati riguardanti gli esiti riportati dai pazienti.

Per valutare se era probabile che le modifiche documentate fossero associate all’intervento omeopatico, è stata eseguita una valutazione utilizzando i criteri Naranjo modificati.

RISULTATI

Durante un periodo di osservazione di 4 anni, è stato notato un risultato sempre più benefico da iHOM per disestesia e dolori orali, nonché per i sintomi concomitanti.

CONCLUSIONE

Considerando l’eziologia multifattoriale del BMS, un approccio terapeutico come iHOM che integri la totalità dei sintomi e dei disturbi di un paziente potrebbe essere utile nei casi in cui è probabile un’associazione di fattori psicologici e i disturbi nevralgici.

Per leggere lo studio originale clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...